venerdì 16 maggio 2008

Dianaroid / Annyroid definitiva (per ora...)

In alcuni post precedenti ho raccontato i miei esperimenti di fusione di una Polaroid 103 con una Diana. Alla fine dell'ultimo post della serie ero abbastanza soddisfatto del risultato ottenuto, ma c'era una vignettatura ai bordi delle foto che non mi convinceva. Grazie ai consigli di altri fotomaniaci su Flickr mi è venuto il dubbio che la vignettatura non fosse dovuta alla lente, ma alla larghezza del diaframma e alla distanza tra diaframma e lente. Così ho ripreso il progetto in mano. Prima di tutto ho deciso che, essendo l'apertura del meccanismo della Anny (clone della Diana) troppo piccolo, era necessario ripescare il meccanismo elettronico della Polaroid che aveva un diaframma più largo. Credevo che la Polaroid fosse rotta, ma leggendo questa pagina ho capito che il problema era semplicemente il cavo di alimentazione. Così, sostituito il cavo, l'esposimetro originale ha ripreso a funzionare. Il passo successivo è stato smantellare la lente della Anny dal suo alloggio (ho dovuto rompere un pò di plastica)

03 - Diana lens smantellata

La lente smantellata l'ho attaccata, con la solita pasta adesiva, all'interno del pannello anteriore della Polaroid, praticamente dove si trovava la lente originale. In questo modo sono riuscito ad avvicinare il più possibile la lente all'apertura della macchina.

04 - Pannello posteriore con lente

Ed ecco quindi la mia Dianaroid definitiva (per ora)

05 - definitive Dianaroid

Si può notare che la lente riesce a coprire l'intera foto, senza l'effetto "oblò" della versione precedente.

Tower to sea

t big canal 3

tUntitled-1 copy 2

tUntitled-1 copy

tUntitled-1 copy 3

dianaroid little success

Essendo la lente destinata al formato 4x4, ovvero un formato molto più piccolo rispetto alla pellicola Polaroid, sui bordi dell'immagine si generano sfocature e distorsioni ottiche estreme. Il risultato mi ricorda molto l'effetto degli obiettivi Lensbaby (un pò più estremo forse...)

Ora non mi resta che rimettere a posto il tutorial riprendendo il tutto dall'inizio, e saltando tutte le fasi intermedie scartate.

9 commenti:

Latente ha detto...

ottimi risultati, una invidiabile "tunnel vision" come la chiamano i lomografi :)

quello che non mi torna mai nel conto è la lunghezza focale...mi mancano sempre 20mm.
la diana ha una lunghezza focale di 80mm, la polaroid è circa un 100mm, stai usando la polaroid alla massima estensione del soffietto?


non ho capito che diaframma stai usando se quello della holga o quello della polaroid.

però come si dice, se funziona non fare domande...

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Latente: effettivamente con tutte le varie modifiche che ho fatto su questa Polaroid non ci si capisce più niente. Devo risistemare tutto. Comunque il diaframma e tutto il meccanismo di scatto è quello della Polaroid. Così posso scattare anche in interni :-)
La lente è quella del clone-Diana (Anny precisamente) che ho dovuto estrapolare con la forza per montarlo sulla Polaroid. Infine: effettivamente non estendo tutto il soffietto, e cerco di bloccarlo con un pezzo di carta infilato tra i meccanismi.

tfortoys ha detto...

complimenti per il blog, lo seguo da un pò, interessantissimo bravo continua così

Diego Cafasi ha detto...

Innanzitutto Giuseppe complimenti per il blog davvero interessante. Ho appena acquistato una polaroid 103 (che devo ancora ricevere) e vorrei porti alcune domande essendo completamente digiuno di questo tipo di macchina ma molto affascinato dai risultati che si possono ottenere. Quali pellicole posso caicare (punto sopratutto al B&W)? Ci sono modifiche che devo apportare alla macchina per poterla utilizzare? Insomma sono avido di quante più informazioni potrai darmi. Grazie (puoi rispondermi anche sul mio blog www.specchiocchio.blogspot.com

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Diego: Grazie per i complimenti. Con la 103 si usano le cosidette pellicole "pack". Quelle in bianco e nero che puoi utilizzare con la 103 sono la 664 (100 ASA) e la 667 (3000 ASA). Oppure la fuji FP-100B. Come al solito consiglio il sito www.landlist.org per tutte le informazioni di questo tipo.

cangia ha detto...

Bellissimo blog, complimenti.
Spero di recuperare una Diana, prima o poi, la "lomografia" mi manca un po'.

Todomodo ha detto...

Questo post mi ha fatto venire in mente che devo chiedere a mia zia la sua vecchia polaroid :-o
E tutto il blog è davvero fonte di ottimi suggerimenti, visto che ho appena comprato una Holga dovrò darmi davvero da fare e seguirne più d'uno. Ergo, grazie.

fuorifuoco ha detto...

scopro questo blog per puro caso e decido che non lo mollerò facilmente visto che sto da ben tre ore piene immerso qui dentro. Intanto volevo chiederti se posso usare pellicole sx70 (trovandole) in una vecchia pola100 o in una 600. Intanto sto comprando una dianaf+, dovrò però trovare uno stampatore che me le faccia grandiiii, le stampe mi paice vederle per bene a volte

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@fuorifuoco: grazie per i complimenti. Purtroppo è da un pò che non aggiorno ma presto dovrei riuscire a riprendere. Cosa intendi per Pola100? Se intendi la Polaroid 100 allora ti devo deludere: no, tale modello accetta solo pellicole di tipo pack (per esempio le Fuji FP-100c). Per la Polaroid 600 potresti anche infilarci le sx-70 ma verrebbero tropp sottoesposte. Visti i prezzi delle pellicole sx-70 ti converrebbe procurarti una Polaroid 1000 (a 5 euro le trovi) o meglio ancora una camera sx-70 (dai venti euro in su ma li merita).