domenica 9 settembre 2007

Bencini Comet II review

Questo post è stato trasferito a questo link: http://www.coagula.org/albedo/bencini-comet-ii-review/

42 commenti:

ilenia ha detto...

Gentil Giuseppe,
ho trovato la stessa identica macchina fotografica in cantina di mio papà e vorrei usarla ma mi manca mettendo il rullino seguendo le istruzioni non dà alcun segnale di movimento. Mi manca la rotellina in alto che presuppondo sia quella per scattare.. uffa

Anonimo ha detto...

Ciao, ho trovatola stessa macchina in cantina... funziona tutto tranne la ghiera di messa a fuoco che sembra bloccata, sai consigliarmi un modo per sistemarla?
Vorrei tanto riuscire a provarla almeno una volta!
Grazie

Giuseppe Di Cillo ha detto...

Prova a "forzare" un pò alternativamente nei due sensi. Se non si sblocca neanche così, puoi provare con una microgoccia di olio per meccanismi di precisione (o anche lo svitol), ma questa soluzione è proprio l'ultima spiaggia, dato che rischi di sporcare la lente, e quindi non mi assumo nessuna responsabilità :-). Visto lo scarso valore economico della macchina ti sconsiglio di farla riparare da un professionista.

MarianOne aka X-Mar aka Marialdone ha detto...

Ciao Giuseppe

Io ho ritrovato una Comet III
Ma secondo te le pellicole EFKE R 100 127 (BN) non vanno bene???
Le ho trovate qui http://www.fotomatica.it/
a 3 euro a rullo.....

Giuseppe Di Cillo ha detto...

Per marianone: Le pellicole della EFKE vanno benissimo, e anche il prezzo mi sembra più che onesto. Effettivamente la Efke è una delle pochissime aziende che ancora le produce.

Latente ha detto...

ho trovato questo "hack"
http://www.flickr.com/photos/thunderchild5/152691297/

devo provarlo :D

Anonimo ha detto...

ciao secondo quanto vale questa macchina fotofrafica ?
e esistono i rullini in bianco e nero ... ?
rispondetemi anche su
studio085@hotmail.it

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@studio085: Ciao,
i rulli 127 in bianco e nero esistono. Io ne acquistai qualcuno della Efke da www.fotomatica.it.
Questa macchina non vale molto sul mercato dell'usato in quanto è piuttosto diffusa e poco ricercata. Io, per esempio, questa completa di custodia l'ho pagata 10euro.

Anonimo ha detto...

grazie per l'info !! cmq mi sto appassionando sempre di piu di fotografie analogiche.. che macchina fotografica analogica compreresti ? qual 'è quella piu ricercata la piu rara grazie ciao ciao

studio085

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@studio085: Sono felice di esserti stato d'aiuto. Per quanto riguarda le macchine economiche io adoro la Diana (originale, clonata, e versione +). Ma se vogliamo andare sulle analogiche professionali non c'è che l'imbarazzo della scelta...per esempio mi piacerebbe possedere una Rolleiflex, ma costano troppo.

Anonimo ha detto...

grazie mile ... e bellissimo e utile blog ,se ho altro da chiedere ti riscrivo ... grazie studio085

Silvia ha detto...

Caro Giuseppe,
Ho trovato una comet s, nel comodino di mia nonna :) XD,
-noto che manca "l'asta" che prende l'altra parte del rullino, secondo te, si può aggiungere? cmq...è bellissima...lo stesso *_*
- ho trovato, sempre nel comodino di mia nonna XD, una Voigtländer Braunschweig, penso del 1935, sai dirmi una stima del suo valore?

Grazie!

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Silvia: Ciao Silvia, non è un grave problema la mancanza dell'asta perchè si tratta semplicemente del rocchetto di un vecchio rullo. Quindi basta trovarne uno, magari in qualche altra vecchia macchina che utilizzava il formato 127.
Non ho idea di quanto valga la Voigtländer Braunschweig. Molto dipende anche dalle condizioni in cui si trova. Potrebbe valere tra i 15 e 100 euro, ma potrei sbagliarmi completamente e magari vale 1.000.000 di euro... te lo auguro :-)

Francia09 ha detto...

Ciao a tutti, vorrei solo dire una cosa di questa macchina fotografica e cioe', apparentemente dalle caratteristiche, non ha nulla a che vedere con le macchine fotografiche che troviamo oggi, ma questa piccola Bencini ha lanciato il grande Giacomelli nel mondo della fotografia.
Forse e' il caso di dirgli grazie e forse e' il caso che chi e' in possesso di questa macchina ogni volta che la riguarda possa vedere un grande maestro conosciuto in tutto il mondo per la sua semplicita'.

Arrivederci a tutti :-D

o.m. ha detto...

ciao, ho trovato una COMET S tra i ricordi di mio padre, però, leggendo le tue spiegazioni qui sopra sulla messa a fuoco, ho notato che le ghiere dell'obiettivo sono un pò diverse. Ho provato a ruotarle, ma sembrano abbastanza fisse. Per caso la S è diversa da quella illustrata da te?
E se si, come funziona?
ultima domanda...posso adattarci i KODAK 400TMAX da 120?
grazie mille in anticipo.

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@o.m.: La Comet S, se non erro, è un pò divers dalla II per l'obiettivo che non è "rientrante".
La ghiera della messa a fuoco però dovrebbe essere molto simile con sopra scritte le distanze come nella foto che vedi nel posto. Se non si muove potrebbe essere bloccata da residui e ossidazioni che si sono formate nel tempo.
Per le pellicole funziona esattamente come per la Comet II: niente pellicole 120 quindi.

Anonimo ha detto...

Buon giorno Giuseppe, mi chiamo Luca Strambi e ti scrivo da Livorno.
Avevo necessità di un piccolo aiuto,
possiedo una macchina identica alla tua ma purtroppo una delle molle dell'otturatore si è rotta, avresti mica la possibilita di farmi avere una foto dell'otturatore aperto???
Mi rendo conto che la richiesta è un poco complicata ma se non mi aiuti tu non saprei come fare.
Ti lascio la mia mail per un eventuale risposta:
l.strambi@h-p-s.it
Se non avrai possibilità di aiutarmi ti ringrazio ugualmente.
Ciao Luca

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Luca: Mi spiace ma non possiedo Bencini aperte :-)

Olimpia ha detto...

ciao sono Olimpia
ho ricevuto da nonno questa macchinetta: son riuscita a recuperare due pellicole da 127.
temo però di averla montata al contrario, cioè il numero lo vedo capovolto...posto che naturalmente ora non posso riaprirla, ma se voglio stamparle? verrà fuori una schifezza immonda?

grazie!

Luca ha detto...

Ciao!
Innanzi tutto complimenti per il blog, utilissimo, che non avrei trovato se prima non avessi (per caso) trovato (scusa il gioco di parole) una Comet II (una macchinetta giocattolo, a detta di mio padre..).
Ho già provveduto a giocare al cieco e montare il rullino da 35 (purtroppo non sapevo il trucchetto dell'apribottiglie, quindi l'ho dovuto srotolare..), sono curiosissimo di sapere cosa viene fuori.
Guardando le foto dimostrative che hai postato vorrei chiederti come le hai realizzate, se scansionando il rullino o con altri metodi (mi piace molto il fatto che nell'immagine si vedano i fori e le scritte della pellicola, e soprattutto le imperfezioni/sovrapposizioni delle rilevature).
Probabilmente domande da blasfemo, ma venendo dalla cultura 'digitale', di solventi chimici e altre cose del genere non ne so mezza!

Anche la mia ghiera della messa a fuoco era bloccata, con una goccia di olio di silicio ora gira che è un piacere.

Grazie!

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Olimpia: se girando la rotella la pellicole avanza, vuol dire che hai fatto tutto bene e quindi non ti devi preoccupare del numero sottosopra. Ciao.

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Luca: le foto del post sono state scansionate direttamente da me con uno scanner HP. Ma se non hai uno scanner per negativi puoi portare il rullo da un laboratorio serio e chiedi di farti fare i provini a contatto. Hai presente quando nei film ("Blow up" per esempio) i fotografi vedono su unico foglio A4 l'anteprima del rullo per scegliere le foto da stampare? Ecco, quello è un provino a contatto, e in questo caso noi serve per vedere anche i fori. Una volta avuto il provino a contatto lo potrai scansionare con uno scanner normalissimo. Ciao.

Anonimo ha detto...

Io ho appena ricevuto una comet S qualcuno sa dirmi che cos'ha di diverso?? L'obiettivo intanto mi sembra fisso,

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Anonimo: Sì, per quanto ne so l'unica vera differenza con la Bencini Comet II è proprio l'assenza dell'obiettivo rientrante.

Anonimo ha detto...

scusa, ma se io uso un rullino da 35 poi posso comunque farle stampare in lab le foto? o mi conviene comunque fare i provini a contatto? non ho ben capito come funziona...

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Anonimo: Puoi farle stampare normalmente in tal caso avrai delle foto più o meno normali. Con i provini a contatto invece otterrai foto che mostrano anche i fori della pellicola.

Anonimo ha detto...

ciao ragazzi,se siete amanti delle Bencini andate sul gruppo di facebook I LOVE BENCINI

http://www.facebook.com/group.php?gid=111177045591022

Un saluto

Jack

Anonimo ha detto...

buongiorno io ho la bencini COMET II Film 127 BENCINI ANNI'60 ed ho comprato dei rullini efke R100 pellicola b/n 120,pero ho scoperto che i rullini sono piu grandi -_-' quali rullini devo comprare la prossima volta?

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Anonimo: Sulle pellicole deve essere indicato in maniera esplicita "127".

Giulio Serra ha detto...

Salve, ho da poco trovato in un cassetto a casa di mio nonno una Comet Film 127 molto simile a questa da lei illustrata anche se non presenta l'obiettivo rientrante.
Sarei molto curioso di conoscere le potenzialità di questa vecchia macchina ma non ho idea di come fare per sistemare la pellicola.
In particolare non capisco come calibrare l'avanzamento della pellicola per gli scatti successivi....Potrebbe darmi qualche consiglio in proposito?
La ringrazio anticipatamente

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Giulio: Questo tipo di macchine non hanno grosse potenzialità tecniche, ma solo grandi potenzialità "sentimentali". Insomma il divertimento sta proprio nello sperimentare e nello scoprire che sbagliando, ogni tanto, si può ottenere qualcosa di bello. Per l'avanzamento della pellicola bisogna andare a naso purtroppo.

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Giulio: dimenticavo che può dare un'occhiata all'altro post http://dicillo.blogspot.com/2007/09/35-mm-in-127-camera-tutorial.html per alcune indicazioni su come usare la pellicola 35mm in queste macchine.

Ilarietta ha detto...

Caro Giuseppe...mi chiamo Ilaria, ho 16 anni e amo la fotografia. Un giorno di quest'estate a casa dei miei nonni si parlava di foto antiche...così mio nonno disse di possedere una macchina fotografica di quando faceva il militare quindi circa 60 anni fa. Io subito mi interessai e chiesi a mio nonno se questa macchinetta la conservava ancora, e lui confermò. Non la trovai quel giorno ma bensì quando cercavo altro...appena la vidi me ne innamorai...una Comet Bencini degli anni 60...mi informai un po' in giro nei vari fotografi della zona...ma più o meno tutti mi dissero la stessa cosa: i rullini non vengono più prodotti da una dozzina di anni...e se ce n'è qualcuno sul mercato è comunque scaduto e le foto verrebbero male. Mi prese una grande tristezza...ma leggendo un po' i commenti di questo sito mi sono tirata su...esistono ancora questi rullini? Se si come posso trovarli?? HO davvero bisogno del tuo aiuto...mi scuso della lunga storia ma volevo farti capire quanto ci tenevo a questa cosa...

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Ilarietta; La Bencini Comet usa rulli 127. Per quel che ne so, non esistono più rulli 127 a colori, ma la Efke produce ancora quelli in bianco e nero. Puoi trovarli in vendita da fotomatica a questo indirizzo http://www.fotomatica.it/index1.html?lang=it&lmd=40452.734618

Ilarietta ha detto...

grazie mille giuseppe!! ho ordinato il rullino e mi è arrivato oggi...sono davvero felice non vedo l'ora di scattare queste foto...Ciao!

Anonimo ha detto...

Giuseppe, io ho ben 2 CometII, ma sembrano entrambe non funzionanti. In particolare l'otturatore sembra rimanere aperto quando premo il pulsante di scatto.
Nel modello in tuo possesso, come avviene il riarmo dell'otturatore? una volta fatto "click", si richiude dopo il tempo (1/50) impostato e si riarma automaticamente, cioè è giò pronto per scattare nuovamente?
Grazie in anticipo.
Pierluigi

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Pierluigi: L'otturatore non ha bisogno di essere riarmato. Una volta tirato fuori l'obiettivo e girato leggermente in senso orario, è sempre pronta per scattare.

Anonimo ha detto...

Ciao.
Anche io ho ritrovato in casa questa Comet 2 dall'altissimo valore affettivo. Purtroppo la ghiera del fuoco è bloccata, ho provato con l'olio per meccanismi di precisione ma niente da fare... Se me lo consigli potrei provare a svitare le 2 piccoli viti sull'obiettivo. Avrei accesso alla ghiera per poterla pulire oppure rischio che salti qualche molla rendendo tutto da buttare? Grazie.

Giuseppe Di Cillo ha detto...

@Anonimo: Mah, non credo serva a molto svitare le due viti ma puoi provare. Altrimenti prova a forzare un altro pò....a volte ci vuole un pò di forza bruta.

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

pensate che ne ho una di mio padre, è perfetta ed ha ancora il flash originale con custodia! Molto interessante.
L'ho usata fino a 15 anni fa, ( senza flash impossibile trovare lampadine )
e con il bianconero dava un'ottimo risultato!

romez@libero.it

Anonimo ha detto...

Ciaoa tutti! Ho una COMET II regalata a 5 anni da mio padre...che ricordi!!! La custodia è di plastica verde, perfetta in ogni parte.
Ciao a tutti!!!
Luca
batluca2009@libero.it

duccio ha detto...

Ho ritrovato una macchina così tra le cose di mio padre deceduto e...con mia incredulità è perfettamente funzionante con la sua custodia in pelle ti ringrazio per le informazioni trovate quì che mi permetteranno di trovare la pellicola e riportarla in vita GRAZIE